IL TUO CARRELLO E' VUOTO 
CARLO BARTOLINI

IL BRIGANTAGGIO NELLO STATO PONTIFICIO
Gli ultimi briganti ai confini tra Lazio e Abruzzo (1865-1870)

I Tascabili d'Abruzzo 125, in 16° pp.150, Cerchio 2001 - Euro 12.5


Chi scrive non è andato a scartabellare polverosi fascicoli negli archivi e nelle biblioteche, né a raccogliere dubbie e fantastiche notizie da un Tizio o un Caio qualunque; ha invece preso per più anni attiva parte nell'azione contro il brigantaggio, comandando colonne mobili, trattando con briganti che si erano costituiti, percorrendo palmo a palmo le catene delle montagne, arrestando e interrogando manutengoli e briganti, studiando il loro modo di combattere, le loro abitudini, i loro costumi, il loro linguaggio convenzionale. Oltre a ciò, lasciando la terza persona, aggiungo: che per circostanze speciali, come narrerò in appresso, travestito da brigante sono riuscito a penetrare nelle loro lestre e nascondigli, ed aggirarmi in mezzo ad avamposti di bande brigantesche, senza destare il più lontano sospetto che il giovane brigante Ferrari (questo era il mio nome di battaglia) fosse un ufficiale dei cacciatori indigeni, che più volte aveva combattuto contro di loro.
AGGIUNGI AL CARRELLO « TASCABILE PRECEDENTE   TASCABILE SUCCESSIVO »