IL TUO CARRELLO E' VUOTO 
MUZIO FEBONIO

ALBA FUCENS
e l'antica civiltà degli Albensi

I Tascabili d'Abruzzo 139, in 16° pp. 200, Cerchio 2003 - Euro 12.5


Alba dei Marsi è una città antichissima, addirittura è precedente alla fondazione di Roma e la sua origine, che ci è sconosciuta, può essere attribuita ai primi aborigeni della regione, da cui prese il nome, benché Appiano ipotizzi che le fu dato dai Romani: I Romani, un tempo, ad un paesino tra gli Equati diedero il nome di Alba, dal nome della loro metropoli Alba Longa, e la fabbricarono; con il passar del tempo ne chiamarono gli abitanti Albensi sia per una trasformazione del nome sia per distinguerli dagli Albani».
La città sorgeva su di un colle roccioso poco elevato, la cui sommità, divisa in due cime, aveva un pianoro nel mezzo; entrambe erano difese all'intorno da baluardi e mura fatte di grosse pietre squadrate che non hanno completamente ceduto all'usura del tempo ed anzi mostrano nelle stesse rovine la loro grandiosità.
Alba era difesa da due porte munite di saracinesche adatte a respingere l'assalto dei nemici. Altri mezzi difendevano l'ingresso con l'aggiunta di torri per dare maggior sicurezza al presidio. In grazia di queste difese e della sua posizione naturale, non temeva i popoli vicini sovrastanti ed era padrona di sé; ad essa l'industre presenza degli abitanti e la lungimiranza dei Romani davano sicurezza e tutela contro ogni evento, macchinazione e aggressione.
Perciò, su parere del Senato romano, fu giudicata come sede sicura per custodirvi i vinti e vi furono mandati Principi e Re come prigionieri di guerra...
AGGIUNGI AL CARRELLO « TASCABILE PRECEDENTE   TASCABILE SUCCESSIVO »