IL TUO CARRELLO E' VUOTO 
LUIGI CAPASSO - ARNALDO CAPELLI

LE EPIDEMIE DI PESTE IN ABRUZZO
Dal 1348 al 1702

I Tascabili d'Abruzzo 54, in 16' pp. 104, Cerchio 1993 - Euro 12.5


Certo è difficile per noi moderni immaginare una citta medievale appestata. Alla nostra immagnazionc manca il senso di vero terrore che dovette aleggiare fra i borghi affollati, senza fogne né acqua potabile, maleodoranti, dove viveva una umanità quasi sempre affamata, sudicia, poverissima.
L'arrivo della peste era agghiacciante: il contagio fulminava, stroncava nel volgere di 3 o 4 gorni e dilagava come un incendio. Rapidamente vi erano cadaveri ovunque: nelle case, nelle strade, accatastati su barocci diretti verso frettolose sepolture. Anche l'Abruzzo venne coinvolto da questa macabra sequenza di mortalità che abbiamo ricostruito attraverso notizie tramandateci da cronisti locali.

Luigi Capasso e Arnaldo Capelli
[NON DISPONIBILE] « TASCABILE PRECEDENTE   TASCABILE SUCCESSIVO »